We will score one more than u!!!

14 Giugno, h. 11 PM G.M.T.

Data e ora che faranno da spartiacque nella mia vita inglese, un po’ come successe duemilaequattorci anni fa in quel di Betlemme per i seguaci di un certo culto religioso.

Mondiale-Brasile-2014In questo periodo “Avanti Italia-Inghilterra”, quando mi viene chiesto nei pub se sono italiano ecco che il discorso si sposta subito sulla Partita e su quanto l’Italia sia “Classy” e gli uomini di Hodgson “Shite“. Giuro, trattando questo discorso ho trovato un unico e solo figlio della Regina  convinto che l’Inghilterra abbia le carte in regola per arrivare tra le prime quattro.

No amico fidati, l’Inghilterra ce la può fare contro di voi e, visto il sorteggio per la fase ad eliminazione diretta, possiamo arrivare tra le prime quattro! Hai visto oggi il ritorno di Walcott? Che gol contro il tuo City! – vero, bella doppietta, gran giocatore, ma l’Arsenal che perde a tennis contro la squadra di Pellegrini come lo valutiamo?!?!? – Sarà lui a fare la differenza con la sua velocità contro i vostri difensori lenti. Ah poi Townsend e Wilshere! Dietro siamo meglio di voi, Cahill è uno dei migliori difensori del mondo!

Premesso che ho profonda stima calcistica e musicale per questo ragazzo – anche se tifoso United avverso alla musica degli Oasis – devo dire che il suo entusiasmo per la nazionale dei Tre Leoni mi sembrava alquanto eccessivo. Poi, come se non bastasse, le sue parole hanno portato una sfiga seconda solo a quella che tartassava il Fantozzi nazionale; da lì a poco infortuni per Townsend e Rooney (tornati da poco) e nessuna speranza mondiale per il “suo” Walcott. Che Wilshere e Cahill comincino a toccare ferro e qualcos’altro…

Ma senza trattare gli argomenti prettamente calcistici, devo ammettere che ancora non so come approcciarmi a questa partita. Fare l’italiota non è da me anche se aggregarmi a qualche “paisà” per fare del casino molesto è un’idea che mi attrae molto, moltissimo.

E poi c’è il fatto che dopo gli Azzurri, nelle competizioni internazionali ho sempre avuto una simpatia particolare per la marea Bianca che invade le città e riempie gli stadi con “God Save The Queen” e altri inni composti ad hoc per queste evenienze.

blurTra questi – esaminato in passato il mio preferito, ovvero, “Three Lions – Football’s coming home” – ecco che sono venuto a conoscenza del ben più popolare “Vindaloo“, hit davvero “basica” (cit.) a livello musicale, la cui storia mi si è posta davanti leggendo la spassosissima autobiografia di Alex James, per chi non lo sapesse, il bassista “tres chic” dei Blur.

Vindaloo by Fat Les (link: http://www.youtube.com/watch?v=yLph6ePNkGQè oggi uno di quei pezzi che risuona più spesso al postcode M14 7AZ. Ma qual’è la genesi di questo capolavoro pop? Nelle righe seguenti chi narra è Alex James in prima persona e Keith (Allen, padre della pop-star Lily) la voce che intona l’inno da stadio per eccellenza.

…Keith was nagging me to do a football record. I kept telling him I had a musical to write, which was true, but then on his birthday we went to watch Fulham play an away match. The travelling Fulham supporters are very proud of how much noise (really???) they make. They sang, chanted, shouted, clapped their hands and stamped their feet through ninety minutes of drizzle and poor passing and Keith was their conductor. There was someone playing a drum, a lop-sided, clowny rhythm that would stop occasionally and start again, with renewed vigour.

I said maybe we could do something with those drums, but the World Cup (1998) was starting in six weeks. We wrote the song around the drums a couple of days later. Once I know what the drums are doing and what it’s going to sound like, it’s just a question of joining the dots together. I knew it had to sound like the Fulham supporters singing in the rain. It took half an hour to write, word and everything.BEST OF FRANCE 98 - ENGLAND'S OWEN CELEBRATES.

…The FA were desperate for a football song… I knew when arrived at the studio at ten-thirty that the record would either be a dismal failure or an improbable triumph. We had a day to record everything and a day to mix. The drummer was arriving at eleven, and we had to do the drums and lay the bass down before lunch. They were the only instruments on the track. Semplicity is often the key…

…Keith wanted to direct the video. He wanted a hundred people dressed up as Max Wall and as many fat, drunk people as possible. It’s not quite what we ended up with, but, with a week to go, his video went straight to number one at The Box and Woolworths ordered half a million copies of a record. It was the biggest week for singles sales since the Blur vs. Oasis pantomime. It all happened so fast. The record didn’t get any radio play, but it quickly outsold anything Blur had done.

vindaloo-590x350…We were offered a gig at a private party in a warehouse in Islinghton where the England match would be showing on a cinema screen… We got on the stage and the drumming started. The bass comes in on the chorous. I windmilled my arm around histrionically for the first note and, as my finger hit the one and only string, it snapped. I didn’t have any spares… No one seemed to mind; actually it sounded more like it did on the terraces with just drums and voices. England won, so the party rose out of control to extravagance. Forget the sixties. In the summer of 1998 London was in the grip of a hedonistic farvour not seen since the days of gin houses and the Hellfire Club.

Quando calcio, musica e partying completano il mix perfetto.

Daniel Gray: “Hatters, Railwaymen and Knitters”…

…today I start to enjoy – I didn’t say “read” – it…

Hatters cover…and my daily travel across Manchester flew away as I didn’t sat on a bus for almost 3 hours as usual…

Despite all its post – 1992 disfigurements, England still does THE GAME brilliantly. It’s wider, more important social trimmings are ingrained as in no other land. It was therefore unrivalled as cause to visit myself upon the provinces, in search of England.

These misty-eyed thoughts were brought on too, by the fact I was about to turn 30. Thirty doesn’t seem significant from the vantage of, say, forty or sixty. Middle age has not been reached, you’re still young enough to meet your life partner or divorce her, and you can choose just about any career. Any career, that is, apart from football: for a footballer, thirty is usually the last stopping point before retirement. When you define most things via football as I do, that makes thirty important

…and it was true love from page 2.

 

Definitely in football. Gallagher Brothers pt. 1 – Liam

Liam-Gallagher-near-Manch-006

Il miglior consiglio che mi han dato per migliorare le mie skills inglesi mi arriva dal mio amico mancunian David.

“Leggi tanto, qualsiasi cosa, dai cartelli stradali ai libri. Sei appassionato di calcio e musica? Bene, vai in centro città e fai razzia di libri da HMV e Waterstones, ne troverai di molto interessanti e a prezzi stracciati”.

Capita così che un pomeriggio decido di ripararmi dalla solita shower passando una mezz’oretta da HMV. La vita da minimun wager non mi permette grossi investimenti, ma ecco che nella sezione offerte c’è un libro che più di tutti cattura la mia attenzione: “Oasis, The Truth. My Life as Oasis’s Drummer“.

Trattasi della discussa opera partorita da Tony McCarroll e scritta a quattro mani in collaborazione con lo scrittore Richard Dolan. Chi è Tony+McCarroll+Mccarrol_profile1 Tony McCarroll? Diciamo che per la quasi totalità della critica musicale inglese è uno dei personaggi più “sfigati” della storia di questo business. Un po’ quello che all’epoca fu Pete Best per i Beatles, ovvero, il batterista facente parte del nucleo fondatore di una band che avrà un futuro luminoso, ma scaricato quando il successo internazionale fu solo pregustato.

In questo caso Tony ci racconta di come nascono gli Oasis e della giovinezza passata con i suoi (ex) amici Liam e Noel. Il risultato è  un libro molto piacevole che ha come sfondo la Manchester working class dove i ragazzini di allora spendevano il loro tempo libero con il loro gioco preferito: il football.

Ancora non ho terminato questa lettura, ma ecco un estratto con sfondo calcistico che descrive meglio il personaggio Liam Gallagher.

…One evening Paul Gallagher brought his younger brother to the park. Actually, I’ll re-phrase that. Paul’s younger brother accompanied him to the park. Immediatly it became apparent that the kid had more front than both his older brothers combined. When Paul tried to introduce him to the group, he was told to fuck off by his younger sibling.

After doing so, the young kid went round each person present and introduced himself: << My name is Liam>>…

…I laughed to myself. I’d never met a kid with so much attitude in all my life. He stood in front of a group of 20 kids, all older than him, most with violent reputations and yet not a flinch. The boy that met that day was as loud and as brash as Liam the man today…

…Liam started to frequent the park intermittently. I wouldn’t say he was part of the group, as he was too young, but he would turn up from time to time and play football. He was always loud and opinionated, but then again you had to be just to get heard…

…I remember a football match during which a young aggressive Liam came off second best to a larger, stronger lad named Chris Hutton (“Huts, for short). Liam reacted furiously to the challenge and showed that he had a fiery temper to match his personality. People ushered Huts and Liam away from each other, which I’m sure was to Liam’s benefit as Huts really could handle himself. This alteraction would be repeated on the same pitch but in different circumstances a few years later…

England as I’m knowing you. “Made in England” by Luca Manes

600396_10201408792932790_259796012_n

Bury, periferia nord di Manchester, uno di quei posti dove se non segui la squadra locale viene dura trovare un’attività di svago durante il weekend…

Dopo un paio di mesi di vita mancuniana in cui i weekend trascorrevano in una faticosa routine fatta di servizio ai tavoli e sorrisi di circostanza – eh si, la gavetta dell’italiano all’estero che come primo lavoro si sottopone alla “palestra” della ristorazione ha colpito in pieno anche me – ecco che il meritato sonno di un tranquillo sabato mattina off work viene interrotto dall’irritante message alert tone del mio cellulare.

“Amico, se vuoi venire a vedere l’FC United oggi, io sto andando con il tuo conterraneo. Famme sapè”.

By S.

Vado – come rifiutare tale invito – nonostante le mie simpatie siano rivolte al colore Blue; la genesi e la storia dell’FC United sono solo due dei numerosi spunti che “Made In England” mi ha fornito come assist per riempire questo blog.

Poniamo il caso che sia di questo mondo un corso di laurea sulla storia del calcio – per Dio, dovesse esistere vi prego di continuare a mantenermene all’oscuro, alimentereste solo i miei rimpianti per aver portato a termine i miei studi in economia – e che nel carico didattico trovi spazio la materia “calcio inglese”.

Il football di Her Majesty, per quanto possa appassionare, necessita di un approccio graduale per poterne cogliere e apprezzare quelle sfaccettature che lo rendono più affascinante di qualsiasi altro gioco.

Ecco quindi che in aiuto del nostro ipotetico studente arriva Luca Manes con il suo “Made in England“. Giornalista pubblicista di scuola romana e formazione calcistica britannica, l’autore di questo libro estrae dalla propria penna un condensato di 132 pagine che introducono il lettore nel variegato mondo del football inglese.

Il calcio in Inghilterra non è un fenomeno, è un fatto della nostra vita quotidiana. Si è considerati più eccentrici se si ignora il football, piuttosto che se non ci si dedica interamente la propria esistenza. Il modo in cui pratichiamo questo sport, la maniera in cui lo gestiamo e la considerazione che gli riserviamo riflettono in pieno il tipo di comunità che rappresentiamo.

E’ con questa citazione dello scrittore Arthur Hopcraft (“The Football Man“) che Manes decide di dare il calcio d’inizio alla propria fatica letteraria. Nulla di più vero, il calcio in Inghilterra gioca un ruolo fondamentale nella società e nei rapporti tra le persone.

Gli aspetti di questo Paese – dall’architettura alla politica (calcistica e non) passando per “l’hooliganismo”, l’economia e il giornalismo sportivo – vengono messi sotto la lente d’ingrandimento soprattutto per ciò che concerne gli anni dal secondo dopoguerra fino ai giorni nostri, e il risultato è un’istantanea “definitiva” e realistica del – a volte – fin troppo mitizzato “modello inglese“.

Non sono tutte rose (rigorosamente del Lancashire, of course) e fiori nemmeno in un sistema all’avanguardia come quello adottato a queste latitudini; nelle sue numerose trasferte oltre la Manica, Manes ha la possibilità di scoprirlo in prima persona, il che si riflette lungo 9 capitoli tanto piacevoli quanto lineari. Una lettura da consigliare anche a quei “tromboni” che presidiano il calcio italiano da troppi anni e che si riempono la bocca facendo riferimento ad innovazioni sulla base del “modello inglese”.

Società storiche che falliscono, calcio troppo caro per le tasche dei tifosi e sport che è sempre più business e meno passione; se a tutto questo aggiungiamo che gli hooligans esistono ancora (ma hanno solo spostato il loro raggio d’azione) ecco che la versione di Manes combacia sull’idea che mi sono fatto di questo Paese vivendolo in prima persona da 4 mesi.

Non è tutto oro quello che luccica, la “terra promessa” non esiste in via oggettiva, e men che meno lo è l’Inghilterra. Questo è “solamente” – virgolette d’obbligo essendo italiano – un Paese nel quale le istituzioni esistono e funzionano per davvero, discriminante che più di tutte differenzia questa Terra dal Bel Paese. Nel calcio come nella vita di tutti i giorni.

Fa molto “City till I die” arrivare dall’Italia, andare a vivere a due isolati dall’ormai defunto Maine Road e a poche centinaia di metri dal centro sportivo dell’Academy skyblue di Platt Lane. Capita poi però di dover fare i conti con la Manchester di Moss Side, quella delle gang e degli scumbag dallo scippo come ragione di vita. Incontro notturno del terzo tipo condito da qualche livido e un naso non più troppo dritto, un’esperienza che se da una parte di fa diventare “uno di loro” (comprensione e celebrazioni al pub incluse), ti permette ulteriormente di capire come qui il SISTEMA sia efficiente, a partire dalle indagini della polizia (con continue lettere recapitate per informarmi sugli aggiornamenti) fino addirittura ad un’offerta di sedute psicologiche gratuite volte a superare l’accaduto.

Tralasciando ulteriori note autobiografiche, questa è l’Inghilterra che sto conoscendo, in un certo senso la stessa che Manes mi aveva anticipato attraverso il suo libro, seppur sotto un’ottica diversa.

Anche il nostro studente iscritto a “Storia del calcio” ne avrà un’idea più chiara dopo essersi “scolato” Made In England, la cui propedeuticità per la preparazione all’esame di “calcio inglese” non è in discussione.

Luca Manes – MADE IN ENGLAND, Luci e ombre del football dei Maestri. Edizione Bradipolibri.

RATE: 8/10 > Per tutti coloro che vogliono iniziare ad approfondire la Materia. Indispensabile come Michael Carrick nel centrocampo dello United del 20esimo titolo.

What’s in:

Cap. 1 – Il grande splendore e la drammatica decadenza degli stadi inglesi

Cap. 2 – Il Taylor Report apre la strada agli impianti “stato dell’arte”

Cap. 3 – Le nuove meraviglie e un pizzico di nostalgia del passato

Cap. 4 – Il tifo e la piaga della violenza

Cap. 5 – La lotta contro l’hooliganismo. Un fenomeno sparito per sempre?

Cap. 6 – La nascita della Premier e il fiume di sterline di Sky

Cap. 7 – Una profonda metamorfosi

Cap. 8 – Giornalismo di qualità o giornalismo spettacolo?

Cap. 9 – La vita al di fuori della Premier

Quando Chelsea-City si giocava a “Top of the Pops”

tumblr_m9semf19Xa1rfb0aeo1_500Oggi (27-10-2013 n.d.r.) a Stamford Bridge giocheranno i futuri campioni d’Inghilterra. Che siano i “blues” di Mourinho o i “citizens” guidati da Pellegrini solo la storia di questo campionato ce lo dirà…

…Vale però la pena ricordare che storicamente questa sfida, nel corso dei decenni passati, non ha sempre goduto dell’ gallery_pic7118odierno prestigio calcistico. C’è però un Chelsea-City che ha comunque infiammato l’Inghilterra a metà anni ’90, ovvero, quello che stabiliva il predominio delle classifiche musicali. Ecco quindi Damon Albarn (Blur) a rappresentare la Londra “middle class” (principale target dei tifosi del Chelsea) e i due fratelli Gallagher (Liam e Noel degli Oasis) che dalla più povera Manchester hanno rappresentato l’orgoglio della “workin’ class” made in north.

“Is really, really, really happened”

http://www.youtube.com/watch?v=dI-6-n-4Xok

Oasis Blur Gallagher Albarn

#StevieG

IMG_20130804_170128

Ci sono uomini/personaggi che contribuiscono in maniera determinante a collocare, nell’ideale collettivo, una città su una cartina geografica. Musicalmente parlando Liverpool sarà per sempre devota a quattro “ragazzotti” che insieme hanno rivoluzionato musica e showbiz, ma se l’attenzione si sposta sul football, ecco allora che Steven Gerrard da Whiston è per quelli della mia generazione l’ambasciatore del Merseyside nel mondo. Leggenda.

Football’s coming home, Euro ’96

Immagine

Anno 1996, l’Inghilterra calcistica – rinata dalle ceneri dell’embargo europeo dovuto alla piaga hooligans – si appresta ad ospitare i campionati europei. Il football torna a casa e i comedians David Baddiel e Frank Skinner – in collaborazione con la band di Liverpool The Lightning Seeds – partoriscono quello che ancora oggi è considerato l’inno non ufficiale della nazionale inglese: Three Lions, Football’s coming home.

Era infatti dai vittoriosi mondiali del 1966 che l’Inghilterra non ospitava una manifestazione (Fifa o Uefa che sia) dedicata alle nazionali; 30 anni dopo gli inglesi dovettero dimostrare che il “virus” hooliganismo (passatemi il neologismo) era stato debellato. Fu la prima edizione degli europei che seguì da tifoso e appassionato, un’edizione in cui la nazionale di Gazza e Shearer andava di pari passo con il successo radiofonico di questo pezzo musicale tanto orecchiabile quanto britpop, il vero fenomeno degli anni ’90 nella terra di Albione.

Link youtube: http://www.youtube.com/watch?v=RJqimlFcJsM NB: versione del 1996 riadattata poi due anni dopo per i mondiali di Francia ’98.

Three Lions, Football’s coming home

It’s coming home
It’s coming home
It’s coming
Footballs coming home

It’s coming home
It’s coming home
It’s coming
Footballs coming home

It’s coming home
It’s coming home
It’s coming
Footballs coming home

It’s coming home
It’s coming home
It’s coming
Footballs coming home

Everyone seems to know the score
They’ve seen it all before
They just know, they’re so sure
That England’s gonna throw it away
Gonna blow it away
But I know they can play
Cos I remember

(chorus)
Three Lions on a shirt
Jules Rimet still gleaming
Thirty years of hurt
Never stopped me dreaming

So many jokes, so many sneers
But all those oh-so nears
When your down, through the years
But I still see that tackle by Moore
And when Lineker scored
Bobby belting the ball
And Nobby dancing

(chorus)

I know that was then
But it could be again

It’s coming home
It’s coming
Footballs coming home

It’s coming home
It’s coming home
It’s coming
Footballs coming home

It’s coming home
It’s coming home
It’s coming
Footballs coming home

It’s coming home
It’s coming home
It’s coming
Footballs coming home

(repeat chorus to fade)